sparkle-2023

Sparkle 2023: al Parco dei Principi a Roma di scena le migliori bollicine dell’anno

In mostra e degustazione le eccellenze delle bollicine italiane. L’elenco dei migliori spumanti premiati con la cinque sfere. Francesco d’Agostino: Il livello delle bollicine italiane è veramente elevatissimo, dal primo agosto 2021 al 31 luglio 2022, prodotte un miliardo e centoventi milioni di bottiglie con un incremento di oltre il 13% rispetto allo stesso periodo 2020-2021

Alla vigilia delle feste natalizie puntuale come tutti gli anni apre a Roma sabato 26 novembre 2022, con una selezione delle migliori bollicine italiane Sparkle 2023, ventunesima edizione della guida ai migliori spumanti secchi italiani, edita dalla rivista di enogastronomia Cucina & Vini. A partire dalle ore 14.00, presso il Parco dei Principi Grand Hotel & Spa saranno svelate le aziende che hanno conquistato le ambite “5 sfere”. Il prestigioso riconoscimento premia 89 etichette tra le 860 presenti in guida, in pratica il gotha della produzione spumantistica del Bel Paese.

La Lombardia sale sul podio per numero di etichette premiate, seguono Trentino e Veneto

La regione sul primo gradino del podio per numero di etichette premiate è la Lombardia, grazie ai 28 riconoscimenti ricevuti, 23 appartenenti alla denominazione Franciacorta DOCG e 5 all’area dell’Oltrepò Pavese; segue a quota 22 il Trentino con soli Trento DOC; 19 premi per il Veneto, tutti Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore DOCG, salvo un Lessini Durello; poi Piemonte (7), Alto Adige (5), Puglia (2), Abruzzo (2), Lazio (2) e, con una cantina, Valle d’Aosta e Umbria. “La conclusione del lavoro della ventunesima edizione della nostra guida sollecita, come sempre, la riflessione sul bilancio di una stagione. Dopo oltre millecinquecento assaggi – sottolinea Francesco D’Agostino, Direttore di Cucina&Vini – la sintesi più efficace si effettua nel momento della degustazione finale, quando le migliori espressioni del Paese si incontrano e definiamo le 5 sfere.

Dal primo agosto 2021 al 31 luglio 2022 prodotte un miliardo e centoventi milioni di bottiglie (+13%)

Il livello delle bollicine italiane è veramente elevatissimo, tanto da richiedere una grande concentrazione per definire i vini top. Molti sottolineano l’incredibile aumento quantitativo che ha portato il nostro Paese a una produzione, dal primo agosto 2021 al 31 luglio 2022, di un miliardo e centoventi milioni di bottiglie, segnando un incremento di oltre il 13% rispetto allo stesso periodo a cavallo tra 2020 e 2021 (dati Icqrf). A noi piace però evidenziare come si sia alzata l’asticella dal punto di vista qualitativo e questo non soltanto nei territori classici”.

Inoltre, quest’anno la squadra di Sparkleday può contare su ben 4 sponsor, due tecnici e due del comparto food. Per la parte tecnica, un’importante conferma è la presenza consecutiva da ben 11 anni di Diam, marchio leader nella produzione di tappi in sughero presente sin dalle prime edizioni dell’evento. Sempre per la parte tecnica sarà presente Owens-Illinois, multinazionale americana che è ad oggi il più grande produttore al mondo di contenitori in vetro. O-I può contare su un team multiculturale, composto da circa 24.000 dipendenti dislocati in 70 stabilimenti situati in 19 Paesi del mondo, con ben 11 sedi operative solo in Italia.

Sul versante della proposta food due famiglie della grande industria alimentare italiana di qualità. Parliamo di Muzzi l’azienda dolciaria umbra che dal 1795 è leader nella produzione della pasticceria con una particolare attenzione per quella legata alle ricorrenze.

Gli appassionati potranno inoltre abbinare le grandi bollicine ai prodotti high quality “griffati” Veroni, la storica azienda emiliana che da quasi 100 anni produce salumi di altissimo livello. Tutto nacque nel 1925 grazie all’intraprendenza di 5 fratelli, fino ad arrivare ai giorni nostri in cui il marchio Veroni è una realtà globale che opera nei principali Paesi europei e negli Stati Uniti e che per Sparkleday presenterà una mortadella da 100 kg.

Info su come partecipare ed elenco delle aziende presenti in aggiornamento su sul sito www.shop.cucinaevini.it.

Continua a leggere su: FIRSTonline

Se vuoi collaborare al progetto Roma News, scrivici su:info@roma-news.it

Like (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *