Skip to content
marco-mingardi-vincitore-di-tu-si-que-vales

Chi è Marco Mingardi, il vincitore di Tu si que vales 2022?

Chi è Marco Mingardi, il vincitore di Tu si que vales 2022? L’imitatore e cantante nettunese di 54 anni è stato ripescato per la puntata finale dopo essere stato eliminato la settimana scorsa nella sfida contro il comico Trygve Wakenshaw. Di lui sappiamo che è un libero professionista e che ama moltissimo la sua mamma, tanto che Maria lo ha spinto a telefonarle in diretta. Il suo percorso è stato davvero straordinario. Tutti i giudici gli hanno riconosciuto una grande crescita. Teo gli ha detto che all’inizio, spocchioso come era, non lo sopportava. Maria, invece, che anche dalla Semifinale è cambiato notevolmente e migliorato un sacco. Anche solo per il cambiamento puntata dopo puntata, quindi, Marco Mingardi si è meritato di vincere i 100 mila euro in gettoni d’oro.

Fonte: Super Guida Tv

GIOMMARIA MONTI PRESENTA“PASOLINI. La città dei Sensi” a Spazio5

Giovedì 24 novembre 2022 alle ore 19.30 presso Spazio5, GIOMMARIA MONTI presenta il suo libro “PASOLINI. La città dei Sensi” Ediz. multilingue a Spazio5 a via Crescenzio 99D (Piazza Risorgimento – Metro Ottaviano)

 

pasolini-la-città-dei-sensi-a-spazio5

 

Dialogheranno con l’autore: Marino Sinibaldi, giornalista, critico letterario e conduttore radiofonico. Andrea Di Consoli, scrittore, giornalista e critico letterario.

Condurrà l’ incontro Francesca Ripanti di PxiL ( Pazzi x i Libri). La partecipazione all’evento è libera e gratuita.

Il libro raccoglie una decina di brevi saggi che raccontano del legame intellettuale e poetico di Pasolini con la città di Roma attraverso l’affascinante viaggio nella Roma vista, ascoltata, odorata e raccontata dall’artista nei suoi versi, nei suoi romanzi, nel suo cinema, nel pensiero degli Anni ʼ50.

Un viaggio nella città dove Pasolini racconta la fine della modernità, dalle periferie alla Roma monumentale che diventa metropoli senza più un centro e senza più un senso. Un disfacimento che Pasolini anticipa in maniera visionaria e che ha consegnato il poeta all’eternità.

Giommaria Monti, è autore di Uno Mattina, è stato autore di Agorà, Cartabianca su Rai3, ha lavorato con Michele Santoro (Moby Dick, Circus, Il raggio verde, Annozero) e in diversi programmi, tra cui Omnibus La7, Niente di personale su La7, L’ultima parola su Raidue. Ha diretto il settimanale Left, facendolo diventare l’inserto de l’Unità (giornale di cui è stato editorialista, come dei quotidiani E Polis). Giommaria Monti è nato ad Alghero, giornalista e autore televisivo.

Ha scritto diversi libri, tra i quali Falcone e Borsellino (Editori Riuniti, 1996, 2007 e 2008), Francesco De Gregori. Dell’amore e di altre canzoni (Editori Riuniti 2006), La notte brucia ancora, con Giampaolo Mattei (Sperling & Kupfer 2008), Hina. Questa è la mia vita, con Marco Ventura (Piemme 2010).

ore 19.30 giovedì 24 novembre 2022  
Spazio5 – Roma via Crescenzio 99/d

Fonte: Roma Daily

ENNIO FLAIANO, IL ‘MARZIANO A ROMA – Il 23
novembre alla Casa del Cinema di Roma

ENNIO FLAIANO, IL 'MARZIANO A ROMA - Il 23 novembre alla Casa del Cinema di Roma

Mercoledì 23 novembre 2022 alla Casa del Cinema di Roma, nella Sala Cinecittà, a 50 anni dalla sua morte un omaggio all’indimenticato intellettuale con l’anteprima del documentario “Ennio Flaiano, straniero in Patria” di Fabrizio Corallo e Valeria Parisi

Durante la serata, “Ennio Flaiano, il ‘Marziano a Roma”, alla quale parteciperanno i due registi, Miguel Gotor e Giorgio Gosetti, verrà anche proiettato un contributo video di Maurizio Costanzo, che leggerà un testo inedito scritto per l’occasione.

A cinquant’anni dalla scomparsa, Roma Capitale e Casa del Cinema ricordano una delle figure più amate e inclassificabili della cultura italiana del ’900: Ennio Flaiano.

Pescarese, classe 1910, romano di adozione, scrittore, giornalista, sceneggiatore, umorista, critico cinematografico e drammaturgo, uno dei protagonisti della via Veneto del dopoguerra, Flaiano è il protagonista del film Ennio Flaiano, straniero in Patria che sarà presentato, in anteprima assoluta, mercoledì 23 novembre alle 20.00 nella Sala Cinecittà di Casa del Cinema. “Scrittore satirico minore dell’Italia del benessere”, così si era autodefinito Ennio Flaiano per un’ipotetica enciclopedia del 2050. Ma che non fosse per nulla “un minore”, lo testimoniano il successo editoriale postumo – 6 libri pubblicati in vita, più di 30 dopo la morte – e l‘estrema attualità e il perdurante successo della sua opera.

Il film, scritto e diretto da Fabrizio Corallo e Valeria Parisi, vuole celebrare lo sguardo anticipatore di un intellettuale raro per indipendenza, talento ed eclettismo. “Come in un viaggio – dicono gli autori del documentario – entriamo nella vita di un profetico osservatore della società italiana della quale ha raccontato vizi e difetti. Nella scrittura di Flaiano una vitale gioiosità comica e una satira amara e corrosiva si alternano a una vena di profonda malinconia e a un senso di inappagamento che probabilmente derivano da una vita complicata fin dall’inizio”.

A introdurre la serata, “Ennio Flaiano, il ‘Marziano a Roma’”, insieme agli autori, saranno l’assessore alla Cultura di Roma Capitale, Miguel Gotor, e il direttore di Casa del Cinema, Giorgio Gosetti.

Inoltre, in uno speciale contributo video, Maurizio Costanzo, che di Flaiano era amico, leggerà un suo testo inedito scritto per l’occasione.

Il film Ennio Flaiano, straniero in Patria recupera rari materiali di repertorio, interviste con personaggi come Federico Fellini, Vittorio Gassman, Suso Cecchi D’Amico, Ugo Gregoretti, interviste radiofoniche come quelle alla moglie Rosetta Rota, fisica e matematica legata al gruppo di via Panisperna, e con la quale lo scrittore condivise il dolore immenso per la grave malattia della figlia Luisa. Accanto a queste, anche le interviste realizzate per l’occasione: dal critico Goffredo Fofi, al regista Andrea Andermann, che con lui realizzò Oceano Canada, bellissimo reportage per la Rai di cui si vedono alcuni estratti. E poi Alessandro Gassmann, che lo ha conosciuto attraverso i racconti del padre, il critico teatrale Masolino d’Amico, che invece lo frequentava da bambino perché Flaiano era ospite assiduo a casa sua, Anna Longoni, curatrice dell’opera completa, la psicanalista Rossana Dedola e la giornalista Annalena Benini. E ancora lo sceneggiatore Francesco Piccolo, lo storico Francesco Filippi, che apre a una riflessione sul nostro passato coloniale coinvolgendo anche la scrittrice italo-etiope Gabriella Ghermandi, Gianfranco Angelucci, storico amico di Federico Fellini, e il quasi centenario fotografo Paolo di Paolo. Fino ad arrivare a Maurizio Mastino di cui Flaiano frequentava il ristorante a Fregene, vicino al litorale di Maccarese dove Flaiano aveva una casa e dove è sepolto.

“Scegli il Contemporaneo”: tornano le visite gratuite per grandi e piccini alla scoperta di Roma

 

Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, Casa Museo, Foto Musacchio, Ianniello, Pasqualini & Fucilla
Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, Casa Museo, Foto Musacchio, Ianniello, Pasqualini & Fucilla 
Ultimi appuntamenti per il progetto interdisciplinare e intermuseale presentato da “Senza titolo” e a cura di Elena Lydia Scipioni che offre gratuitamente un’immersine nell’arte attraverso visite guidate per adulti, animate per bambini e video

Torna, ma per l’ultima edizione, il progetto “Scegli il Contemporaneo” con visite guidate gratuite che fino al 17 dicembre porteranno alla scoperta dei luoghi più belli della capitale italiana. La nuova edizione si chiama infatti “Ti racconto Roma” e come già le precedenti è un progetto interdisciplinare e intermuseale presentato da “Senza titolo” e a cura di Elena Lydia Scipioni, che dal 2017 tesse una rete di rimandi e collegamenti tra le proposte culturali della scena artistica contemporanea di Roma, mettendo in relazione figure professionali di diversi ambiti di formazione e pubblici differenti con i luoghi di Roma. Un progetto interdisciplinare e intermuseale che vuole favorire un nuovo sguardo sulla città promuovendo una fruizione partecipata della cultura contemporanea e pratiche di cittadinanza attiva.
Questa edizione finale si presenta come un affresco di Roma in cinque tempi e in tante tappe:

Sabato 26 novembre. Visita animata per bambini: Museo delle Civiltà. Per molto tempo sul nostro pianeta hanno convissuto diverse specie umane: allora perché oggi tutti gli esseri umani appartengono a una sola specie? Con questa domanda inizia il percorso di visita per bambini al Museo delle Civiltà per scoprire come si è evoluta quella capacità comune solo agli esseri umani di inventare cose che non esistono nella realtà e di raccontare storie immaginarie. Il percorso di visita, tra opere d’arte contemporanee in dialogo con opere delle ricche collezioni permanenti del museo, accompagna i bambini in un viaggio nel tempo verso le origini dell’arte e della fantasia, come in uno scavo archeologico dell’immaginazione umana, che intende riportare alla luce una delle tappe più significative nelle storie delle culture umane sulla terra.
Punto di ritrovo Piazza Guglielmo Marconi, 14, ore 16.00. Durata: 90 minuti

Domenica 27 novembre. Visita guidata per adulti: Museo delle Civiltà. Natura e cultura, primitivo e moderno, umani e animali: per secoli il pensiero occidentale ha immaginato il mondo per opposizioni dicotomiche, dalla scienza all’antropologia, dalla tecnologia all’arte. Una visita speciale che intreccia riflessioni filosofiche, antropologiche e artistiche a partire dall’habitus dell’ambiente museo, secondo il presupposto per cui l’allestimento museale è cornice concettuale e specchio delle intersezioni culturali nelle società contemporanee.
Punto di ritrovo Piazza Guglielmo Marconi, 14, ore 16.00. Durata: 90 minuti

Mercoledì 30 novembre. Visita animata per bambini: Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, Casa Museo. Una visita per scoprire la storia del Premio Strega e quella della sua fondatrice Maria Bellonci che, nel 1947, ha dato vita ad uno dei premi più prestigiosi della narrativa italiana. Il percorso consente ai partecipanti di immergersi nelle atmosfere senza tempo della dimora in cui hanno vissuto Maria e Goffredo Bellonci, tra opere d’arte, oggetti quotidiani e una collezione di oltre 20 mila libri. Curiosità e aneddoti sono gli ingredienti per costruire un racconto inedito di immagini e parole.
Punto di ritrovo: Via Fratelli Ruspoli, 2, ore 15.00. Durata: 90 min.

Mercoledì 30 novembre. Visita guidata per adulti: Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, Casa Museo. Una visita speciale per conoscere la Fondazione Maria e Goffredo Bellonci, Casa Museo, sede dal 1951 delle riunioni degli Amici della domenica, un gruppo di donne e uomini di cultura che cominciarono già dal 1944 a radunarsi intorno ai coniugi Bellonci, con la necessità di non restare isolati in quei duri momenti di guerra. Casa Bellonci ha accolto, e accoglie tuttora, i protagonisti della letteratura italiana del secondo Novecento e contemporanea. Un’occasione per conoscere le dinamiche attraverso le quali venne istituito nel 1947 il Premio Strega, nato – come scrisse Maria Bellonci in Come un racconto. Gli anni de Premio Strega – “Dalla nuova coscienza sorta nei tempi tanto incisivi della Resistenza, durante i quali avevo imparato che gli uomini esistono gli uni per gli altri e che gli scrittori non fanno eccezione”.
Punto di ritrovo: Via Fratelli Ruspoli, 2, ore 15.00. Durata: 90 min.

Sabato 10 dicembre. Visita guidata per adulti: mostra Mario Merz. Balla, Carrà, de Chirico, de Pisis, Morandi, Savinio, Severini. Roma 1978. Una visita guidata alla mostra “Mario Merz. Balla, Carrà, de Chirico, de Pisis, Morandi, Savinio, Severini. Roma 1978.”, a Palazzo delle Esposizioni, considerata una pietra miliare nella storia delle rassegne d’arte contemporanea, che mise in dialogo uno degli artisti più importanti dell’arte italiana del secondo dopoguerra con artisti della prima metà Novecento, e che consentì di superare letture consolidate e offrire nuovi spunti interpretativi. Parte del più ampio progetto “Mostre in Mostra”, a cura di Daniela Lancioni, la visita alla mostra è un’occasione importante per riflettere sulla necessità di ripresentare oggi una mostra storica allestita alla Galleria dell’Oca nel 1978.
Punto di ritrovo: Palazzo delle Esposizioni. Via Nazionale, 194, ore 16.00. Durata: 90 minuti

Sabato 10 dicembre. Visita animata per bambini: mostra Mario Merz. Balla, Carrà, de Chirico, de Pisis, Morandi, Savinio, Severini. Roma 1978. Una visita animata per i bambini alla mostra “Mario Merz. Balla, Carrà, de Chirico, de Pisis, Morandi, Savinio, Severini. Roma 1978.”, a Palazzo delle Esposizioni, per conoscere da vicino la poetica di Mario Merz a confronto con quella di alcuni tra i maestri del Novecento italiano. Tecniche e materiali differenti diventeranno occasione per mettersi alla prova con brevi attività da sperimentare durante il percorso consentendo ai partecipanti di immergersi nei linguaggi dell’arte contemporanea italiana.
Punto di ritrovo: Palazzo delle Esposizioni. Via Nazionale, 194, ore 16.00. Durata: 90 minuti

Sabato 17 dicembre. Video racconto: Luca Pignatelli. Un video dedicato all’artista Luca Pignatelli (Milano, 1962) offre un racconto personale su alcuni luoghi e aspetti artistici e architettonici della città di Roma. Nelle sue opere Pignatelli sceglie delle immagini da un vasto repertorio iconografico composto da città – come Roma, Pompei e New York – e da elementi tratti dal retaggio culturale occidentale: aerei da guerra, treni, edifici, elementi della statuaria classica, animali. Nelle sue opere procede per stratificazioni o sovrapposizioni attuate su supporti diversi come teli di convogli, teloni di canapa, legni, ferri, carte e tappeti persiani. L’artista interviene alterando la natura di questi supporti, lacerandoli o attuando delle giunture, sovrapponendo immagini di diversa provenienza. Le associazioni che emergono dall’osservazione delle sue opere si ricompongono diversamente nella mente dell’osservatore, generando nuovi rimandi e suscitando nuove riflessioni legati al tempo e allo statuto dell’immagine. Di contesto in contesto, l’immagine si rigenera in una pluralità di riferimenti semantici e visuali.
Dove: online alle ore 11.00 sui canali ufficiali di “Senza titolo”: Facebook (senzatitolo.progetticultura), Instagram (@senzatitolo.progetticultura), Youtube (Senza titolo – Progetti aperti alla cultura). Narratore: Luca Pignatelli.
Informazioni pratiche

Il progetto, promosso da Roma Capitale – Assessorato alla Cultura, è vincitore dell’Avviso Pubblico Contemporaneamente Roma 2020 – 2021 –2022 curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE.
Tutti gli incontri sono gratuiti per il pubblico e comprendono il biglietto d’ingresso al museo qualora previsto.
Prenotazione obbligatoria solo via mail: info@senzatitolo.net fino a esaurimento posti. www.senzatitolo.net

Se vuoi collaborare al progetto Roma News, scrivici su:info@roma-news.it
Like (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *