allerta-meteo-a-roma-e-nel-lazio-venerdì-18

Allerta meteo a Roma e nel Lazio venerdì 18 novembre 2022: temporali in arrivo

Dopo l’allerta meteo di martedì e una breve tregua, nel Lazio torna il maltempo. E il weekend, stando alle previsioni, sarà all’insegna della pioggia e delle temperature in calo. Quell’ottobre quasi estivo e quelle prime giornate di novembre dal caldo ‘anomalo’ sembrano un ricordo perché come è giusto che sia, ora sta per arrivare l’inverno. 

Fino a quando ci sarà l’allerta meteo nel Lazio 

La Protezione Civile del Lazio ha diramato un’allerta meteo di colore giallo. E nessuna zona della Regione sarà esclusa. Si prevedono precipitazioni sparse, anche a carattere di rovescio o temporale, con quantitativi cumulati da deboli a moderati. L’allerta meteo avrà validità dalle prime ore di domani, venerdì 18 novembre e per le successive 12 ore.

Quali sono le zone a rischio 

Come anticipato, nessuna zona della Regione sarà esclusa dall’ondata di maltempo. È allerta gialla per criticità idrogeologica e per temporali sulle seguenti zone:

  • Zona A (Bacini costieri nord)
  • Zona B (Bacino medio Tevere)
  • Zona C (Appennino di Rieti)
  • Zona D (Bacini di Roma)
  • Zona E (Aniene)
  • Zona F (Bacini Costieri Sud)
  • Zona G (Bacini del Liri).

Anche sabato a Roma la giornata sarà all’insegna del maltempo: rovesci di pioggia nel pomeriggio e temperature che oscilleranno tra i 15 e gli 11°C. Tregua, invece, domenica, quando il sole tornerà a splendere in cielo. 

Fonte: Il Corriere della Città

Ruby Ter, assolto Berlusconi a Roma: “Il fatto non sussiste”

Il Tribunale di Roma ha assolto il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi in uno dei filoni dell’indagine Ruby Ter, perché “il fatto non sussiste”. Assolto anche il cantante Mariano Apicella. Per entrambi l’accusa era di corruzione. “Sono contento e soddisfatto. Apprezzo anche che lo stesso pubblico ministero abbia chiesto l’assoluzione”. Così Silvio Berlusconi ha commentato parlando al telefono con i suoi difensori la sentenza di assoluzione nel filone romano del processo Ruby. E sul verdetto del tribunale è intervenuto su Twitter anche il ministro degli Esteri, Antonio Tajani: “L’Assoluzione di Silvio Berlusconi è una buona notizia per tutti. Non avevamo dubbi sulla sua innocenza. La decisione della magistratura ristabilisce la verità”.

Soddisfazione anche da parte dell’avvocato Franco Coppi che all’Adnkronos afferma: “È una sentenza ineccepibile, non c’era assolutamente alcuna prova di accordi corruttivi e la formula assolutoria perché il fatto non sussiste parla da sola”. Insomma col verdetto di Roma si chiude una finestra giudiziaria che come sempre la sinistra aveva strumentalizzato per anni per attaccare l’ex premier. L’assoluzione perché il “fatto non sussiste” è la formula piena che attesta l’innocenza del Cavaliere e di Mariano Apicella.  Anche Maurizio Gasparri ha commentato il verdetto del Tribunale di Roma: “Prima la persecuzione poi l’assoluzione. Ancora una volta si dimostrano infondate le aggressioni giudiziarie a Berlusconi. Chi gli chiederà scusa ora? Chi pagherà per aver condizionato e avvelenato lo stesso corso della vita democratica? Sono lieto da un lato, e esprimo al presidente Berlusconi la mia gioia per questa notizia, ma nel contempo non posso celare l’indignazione per questa ennesima incredibile vicenda che ha avvelenato la vita e la democrazia italiana”, ha concluso il sentaore forzista.

Fonte: Libero Quotidiano

Il Campidoglio vuole acquistare l’ex sede di Roma Metropolitane: è finita all’asta

L’operazione consentirebbe di avere un nuovo edificio dove ospitare centinaia di dipendenti comunali

 

L’edificio all’asta di via Tuscolana 171

Un altro immobile finito all’asta fa gola al Campidoglio. Si tratta dell’edificio di nove piani di via Tuscolana 171, di proprietà dell’Atac, che è stato per anni impiegato come sede di Roma Metropolitane, società in liquidazione.

Il valore dell’immobile

Il palazzo è stato inserito, come i depositi di piazza Bainsizza, piazza Ragusa e via Alessandro Severo, nell’ambito degli immobili da vendere per salvare l’azienda di trasporto pubblico dal fallimento. L’edificio è già finito all’asta ma per ora nessuno ha presentato offerte per rilevarlo. I precedenti turni d’asta, andati deserti, hanno dunque permesso di far scendere il prezzo di base, quello da cui partire per provare ad effettuare l’acquisto: da 12,5 milioni si è ridotto di circa il 45%, arrivando agli attuali 6,8 milioni di euro.

La ricerca di una sede per i dipendenti comunali

Per il Campidoglio, l’acquisizione dell’immobile, è legata alla ricerca di una sede dove ospitare i dipendenti comunali. Perché, si legge nella delibera che ha già ricevuto l’ok della giunta Gualtieri, “l’amministrazione capitolina non dispone”, in questo momento, di “sedi alternativa idonee e pronte ad ospitare adeguatamente 555 dipendenti”. Il numero fa riferimento alle unità di personale che sono attualmente impiegate nelle strutture di via Capitan Bavastro 92-94 ed in via del Turismo 30.

Si tratta immobili che il Campidoglio deve lasciare, perché appartengono a privati: dei locali della Garbatella, dove lavorano 437 persone, è proprietaria la DeA Capital Real Estate Sgr spa a cui l’amministrazione deve versare, si legge sempre nella delibera, la somma di 2,16 milioni di euro l’anno. L’edificio di via del Turismo accoglie invece 118 dipendenti ed è di proprietà di Eur Spa, a cui vanno 1,6 milioni l’anno. Il dipartimento patrimonio si è impegnato a lasciare quest’ultimo immobile entro il prossimo 31 dicembre mentre, per quanto riguarda via Capitan Bavastro, il Tribunale ordinario di Roma ha disposto che debba essere riconsegnato alla proprietà entro il 30 settembre.

L’edificio di via Tuscolana

Le somme risparmiate dai canoni di locazione annuale, potrebbero essere così impiegate per provare ad acquistare l’immobile di via Tuscolana, dopo i quattro turni d’asta (l’ultimo c’è stato lo scorso ottobre) che sono andati deserti. L’edificio è imponente, visto che consta di nove piani fuori terra più un altro interrato, ed è già in larga parte organizzato per accogliere uffici e servizi. E’ inoltre ubicato in una zona servita dal trasporto pubblico, perché è poco distante della stazione Tuscolana e delle fermate metropolitane della linea A. Quindi potrebbe rappresentare una soluzione alla ricerca di quelle “sedi alternative” di cui attualmente “l’amministrazione non dispone”.

L’iter per acquistare l’immobile

Perché l’operazione vada in porto, è necessario ottenere il via libera delle commissioni (oggi se ne discute in seduta congiunta nelle commissioni bilancio, mobilità e patrimonio) e dell’Assemblea Capitolina. Ha già ricevuto, intanto, l’approvazione della squadra di governo capitanata dal sindaco Gualtieri.  “ Il nostro obiettivo è quello di valorizzare, non svendere, il patrimonio pubblico. Per dare opportunità e servizi ai cittadini” ha commentato l’assessore al patrimonio Tobia Zevi, all’indomani della firma apposta dalla giunta  sull’edificio di via Tuscolana “L’immobile, inserito nella procedura concordataria di Atac, entrerà a fare parte del nostro Piano Sedi, per diventare un luogo accessibile e accogliente, dove si erogano servizi ai cittadini e dove i dipendenti del Comune possono lavorare in modo confortevole”.

Una volta ottenuto il permesso dell’Aula Giulio Cesare, l’amministrazione cittadina dovrà comunque vincere l’asta. Compito che non è scontato visto che, ad esempio nel caso dell’ex deposito Vittoria di piazza Bainsizza, l’impresa non è riuscita.

Fonte: Roma Today

GF Vip, in arrivo una nuova concorrente: di chi si tratta

GF Vip
GF Vip

Secondo indiscrezioni nelle prossime ore entrerà una nuova concorrente nella casa del GF Vip e si tratterebbe di una vecchia conoscenza dell’ex inquilina Pamela Prati.

GF Vip: in arrivo una nuova concorrente

Stando ai rumor circolati nelle ultime ore l’ex stella del Bagaglino Milena Miconi potrebbe presto varcare la soglia del GF Vip e diventare una nuova concorrente del programma. Al momento sulla questione non vi sono conferme e in tanti si chiedono come sarebbero potute andare le cose tra l’attrice e l’ex collega Pamela Prati – eliminata dal reality show – con cui sembra che non corra buon sangue. In tanti si chiedono anche se la Miconi riuscirà ad acquisire consensi tra il pubblico del programma e se il suo ingresso porterà nuovi ascolti al reality show che, finora, è riuscito quasi sempre a registrare il 20%.

Fino a quando proseguirà il GF Vip 7

Secondo indiscrezioni il reality show condotto da Signorini andrà avanti fino al 3 aprile e, come per le precedenti due edizioni, altri concorrenti entreranno nella Casa per sostituire chi già è uscito, portando nuova linfa all’interno della Casa. Al momento ben 5 concorrenti hanno dovuto temporaneamente lasciare la Casa perché risultati positivi al Coronavirus e, nelle ultime ore, anche Giaele De Donà ha destato preoccupazione affermando di aver accusato alcuni sintomi influenzali. In tanti sono curiosi di sapere quali saranno gli sviluppi della vicenda e se altri concorrenti saranno costretti a lasciare la Casa.

Fonte: Yahoo Sport

Se vuoi collaborare al progetto Roma News, scrivici su:info@roma-news.it

Like (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *