buon-compleanno-a-carlo-verdone

Buon compleanno a Carlo Verdone, il ritrattista tragicomico del cinema italiano

Tanti auguri a Carlo Verone, regista e attore romano in grado di raccontare la società italiana, con il suo umorismo, una visione sarcastica e malinconica della vita e i suoi personaggi surreali

 

Un inizio di carriera all’insegna della risata

Oggi compie 72 anni Carlo Verdone, noto regista e attore romano. Dopo essersi laureato col massimo dei voti in Lettere Moderne, comincia a muovere i primi passi nei cabaret di Roma per poi esordire in televisione nel programma comico Non Stop del 1978. Due anni dopo debutta come regista in Un sacco bello, proponendo sul grande schermo i personaggi che lo hanno reso celebre con un intreccio di episodi, uno spaccato cinico e tragicomico dell’Italia della fine degli anni ’70. Del 1986 è anche uno dei maggiori incassi italiani di tutti gli anni ’80, ovverosia il divertentissimo 7 chili in 7 giorni in coppia con un altro grande del cinema nostrano, Renato Pozzetto.

 

Il retrogusto amaro da commedia all’italiana

Io e mia sorella in coppia con la bellissima Ornella Muti è il primo film che apre il nuovo ciclo di Verdone: un lungometraggio dove la comicità lascia spazio alla rassegnazione, forse ancor più struggente che nei capolavori del suo maestro Alberto Sordi. In Compagni di Scuola  la riunione degli improponibili e deliranti soggetti ex liceali si trasforma in una grottesca e moderna farsa presa quasi pari pari dal Decamerone, dove le risate si mescolano a una descrizione di una società priva di ideali. Dai problemi giovanili negli ultimi vent’anni la sua analisi si sposta sulle nevrosi degli over 40, sempre in equilibrio tra angoscia e ritratti grotteschi. Grande, grosso…e Verdone è un ritorno al passato con gli occhi degli adulti con la coppia formata da Ivano a Jessica, alias Claudia Gerini. Gli ultimi lavori segnano il passaggio alla senilità, con l’osservazione della società post-Internet mettendo in evidenza la solitudine, dalla condizione che affligge i padri separati in Posti in piedi in paradiso fino al tentativo di reagire al presente in Sotto una buona stella del 2014 e L’abbiamo fatta grossa del 2016.

Carlo Verdone e Sora Lella, un connubio perfetto

La bravura di Verdone, oltre alla sceneggiatura e alla regia d’indiscusso valore, è anche quella di contornarsi di comprimari ed attori di alto spessore: storica la sua amicizia con la mitica Elena Fabrizi, meglio conosciuta come Sora Lella, protagonista di Bianco, rosso e Verdone del 1981 e Acqua e sapone del 1983. Aveva recitato piccole parti in alcune commedie degli anni ’60, ma il suo lavoro principale era quello di ristoratrice all’Isola Tiberina. Carlo la conobbe su segnalazione di un amico, ascoltò un programma radiofonico che conduceva in cui dava consigli alle donne, la incontrò a un bar che sapeva frequentasse e si rese conto che era perfetta per il ruolo di nonno. Intuizione più che mai azzeccata.

 

Fonte: Roma.com 

 Oltre 100 morti e 5mila feriti in un anno: mappa delle strade più pericolose di Roma e provincia
Aci ha pubblicato una mappa con le strade più pericolose di Roma e provincia nel 2021, con oltre 100 morti e 5mila feriti. In testa c’è il Grande Raccordo Anulare.

 

la-mappa-delle-strade-più-pericolose-di-roma

 

Il Grande Raccordo Anulare è la strada più pericolosa di Roma, con 539 incidenti, 9 morti, 728 feriti, un drammatico primato che mantiene, seppur in calo rispetto al 2019. Seguono in termini di incidentalità la Penetrazione urbana della A24, SS511 via Anagnina, la SS8 bis via Ostiense, A91 Roma-Fiumicino e la SS148 via Pontina. Sono i dati emersi dallo studio Aci che ha realizzato una mappa con le strade più pericolose di Roma e provincia rispetto all’anno 2021. Un elenco completo dove sono indicate tutte le strade e i relativi dati. Rispetto al tasso di mortalità che viene considerato ogni 100mila abitanti il Lazio con un punteggio di 5 supera la media italiana che si attesta sul 4,9. Domenica 20 novembre ricorre la Giornata in memoria delle vittime della strada.

Le strade più pericolose di Roma per numero di incidenti

Roma secondo i dati registrati da Aci è la città che ha il più alto numero d’incidenti del Lazio. Sul territorio della Capitale e della sua provincia nel 2021 in totale sono oltre 11mila gli incidenti stradali, con 13.862 feriti e 121 morti. Oltre al Grande Raccordo Anulare, rispetto al numero d’incidenti registrati ci sono:

via Anagnina: 31 incidenti, 1 morto, 44 feriti
via Ostiense: 80 incidenti, 1 morto, 111 feriti
A91 Roma-Fiumicino: 47 incidenti, 1 morto, 61 feriti
via Pontina: 251 incidenti, 5 morti, 370 feriti
Considerando invece la gravità dei sinistri per tratti di strada tra Roma e provincia ci sono:

via Lago di Albano: un morto e un ferito grave su circa due chilometri
via Tiburtina Valeria: 3 morti e 119 feriti
via di Palombara: 3 morti, 36 feriti
via Litoranea Ostia-Anzio: 3 morti, 75 feriti
via del Mare: 2 morti, 62 feriti
via Appia: 13 morti, 353 feriti
via Casilina: 9 morti, 362 feriti
via Salaria: 7 morti, 149 feriti
via Nettunense: 4 morti e 147 feriti

Fonte: Fanpage

È nato il primo sindacato degli influencer 

Ha inizio la campagna di tesseramento di Assoinfluncer, la nuova associazione di categoria che si rivolge ai content creator in Italia, e, oltre ad assicurare assistenza legale e fiscale ai propri associati, promuove la loro attività e fornisce loro un “kit di sopravvivenza” 

 

Una content creator
Una content creatorWESTEND61/GETTY IMAGES

In Italia c’è ancora chi non li considera “veri” lavoratori, eppure sono 350mila i content creator, influencer, podcaster, youtuber, streamer, instagrammer e cyber atleti nel nostro paese, per un valore di mercato di 280 milioni di euro, che nel 2021 ha registrato una crescita del 15%, secondo elaborazione DeRev Lab, che, avendo analizzato i dati dell’anno in corso, prevede un aumento del 20 % rispetto al 2021. A sostegno di questa categoria è stata istituita una nuova campagna di tesseramento: Assoinfluencer è la prima associazione italiana di categoria a essere inserita nell’elenco delle professionali del ministero dello Sviluppo economico. “La campagna riguarda tutti coloro che fanno parte della creator economy: non solo chi promuove un brand, ma chi riesce a usare i social media con finalità divulgativa e promuove anche la sua attività”, spiega  Jacopo Ierussi, fondatore di Assoinfluencer insieme a Valentina Salonia. Nello scorso agosto è stata approvata la legge annuale per il mercato e la concorrenza 2021, il disegno di legge (ddl) Concorrenza, che conteneva l’emendamento dedicato ai content creator.

La campagna di Assoinfluencer si basa sull’offerta di servizi per attrarre i content creator, tra cui figurano quelli forniti da Confcommercio professioni– di cui l’associazione fa parte da dicembre 2021- come importanti sconti su viaggi, piattaforme digitali e portali dove i prodotti possono essere venduti e dove i content creator possono svolgere la loro attività. “Tra le nostre proposte, ci sono quelle tailor-made (su misura) per ogni professionista che si rivolge a noi, tra cui: un’assicurazione che tutela i content creator e assistenza di base con commercialista ricorda Ierussi- Sicuramente alcuni influencer e content creator sono già seguiti da commercialisti e legali, ma il nostro scopo è raggiungere il numero più alto possibile”, aggiunge Ierussi. 

“Il nostro è stato un percorso particolare: abbiamo deciso di iniziare una campagna di tesseramento proprio ora che siamo un’associazione già strutturata- conclude . Facendo parte di una categoria ancora emergente, i content creator sono spesso avvicinati da tantissimi ‘venditori di fumo’. Ciò provoca un allontanamento dei professionisti da chi li vuole tutelare. Siamo entrati in Confcommercio per poter dare voce alla categoria, sviluppare servizi e convenzioni per i tesserati, e fornire loro un vero e proprio kit di sopravvivenza”. 

Fonte: Wired

Civitavecchia, il cortile della scuola diventa un’oasi: inaugurata l’Aula Natura di Wwf e P&G

Le Aule sono state create all’interno dell’ Istituto Comprensivo Statale “I.C. Civitavecchia 2”

 

Civitavecchia – Promuovere e valorizzare spazi verdi per bambini e ragazzi nelle scuole italiane, con l’obiettivo di educare le nuove generazioni al rispetto dell’ambiente. È questo il leitmotiv del progetto Aule Natura del WWF, sostenuto da Procter & Gamble nell’ambito del programma di cittadinanza d’impresa “P&G per l’Italia”, col quale l’azienda sta realizzando azioni concrete di sostenibilità ambientale e sociale in tutto il Paese. Obiettivo dell’iniziativa è quello di realizzare, entro il 2024, oltre 50 Aule Natura nelle scuole di tutta Italia.

All’incontro all’Istituto Comprensivo Statale “I.C. Civitavecchia 2” è stata inaugurata un’Aula Natura che si estende su una superficie di 180 mq e comprende il riutilizzo di una serra di circa 40 mq, che riprende vita dopo uno stato di abbandono, con piante succulente e a bassa richiesta idrica in grado di adattarsi ai cambiamenti climatici già in atto.

Il piccolo ecosistema del laghetto dà la possibilità di osservare diverse specie di uccelli e insetti che trovano rifugio anche nelle casette nido e nel bugshotel installato vicino al giardino delle farfalle in un luogo appartato con bordure fiorite abbondanti e alternate. Gli arbusti come fillirea, corbezzolo, lentisco e mirto sono tipici della macchia mediterranea poco esigenti e adatti al territorio. L’Aula Natura diventa così un laboratorio di natura urbana con gli ecosistemi tipici del luogo a disposizione dei giovani studenti. Ne usufruiranno 400 alunni nell’anno scolastico 2022/23 e 400 alunni nell’anno scolastico 2023/24. All’inaugurazione sono intervenuti la dirigente scolastica Francesca De Luca; Federica Rinaldi, Referente Corporate Partnerships di WWF Italia; Riccardo Calvi, Direttore Comunicazione di Procter & Gamble Italia; Vittorio Sapio, Direttore Marketing divisione Grooming di Procter & Gamble e Davide Chessa, Referente OA di WWF Litorale Nord. Presenti anche il Sindaco di Civitavecchia Avv. Ernesto Tedesco, il vicesindaco Avv. Manuel Magliani, il Presidente del Consiglio Comunale Dott.ssa Emanuela Mari, l’Assessore all’Istruzione Dott.ssa Monica Picca.

La scuola ha da alcuni anni implementato le attività di sensibilizzazione ambientale in collaborazione con Ispra sulla biodiversità marina e con il Ministero della transazione ecologica e i Carabinieri Forestali con il progetto “Un albero per il futuro”. Città di marineria e commercio, Civitavecchia ha un’economia basata principalmente sul porto e su una recente attività turistica di passaggio, poiché è uno scalo d’obbligo per arrivare a Roma. In questo contesto la via trafficata “mediana” vicina alla Scuola è una via di grande scorrimento che collega le zone strategiche della città. In questa situazione l’istituto diviene un punto centrale di “stabilità educativa” per un numero importante di studenti.

“Quella con il WWF è la più importante partnership mai realizzata da P&G in Italia a tema ambientale e si inserisce nel programma più ampio di cittadinanza d’impresa “P&G per l’Italia”, attraverso il quale vogliamo realizzare azioni concrete in Italia nell’ambito della sostenibilità ambientale e sociale – ha spiegato Riccardo Calvi, Direttore Comunicazione di P&G Italia. Siamo entusiasti di regalare agli studenti dell’Istituto Comprensivo Statale “I.C. Civitavecchia 2” un’Aula Natura, un prezioso spazio verde che coinvolge le nuove generazioni su un tema fondamentale quale l’educazione ambientale e la salvaguardia della biodiversità e siamo felici di farlo insieme a Vittorio Sapio, un amico ed un collega di P&G cittadino di Civitavecchia”.

Sono davvero felice di poter donare ai bambini dell’Istituto Civitavecchia 2 ma più in generale alla mia città, un’Aula Natura, tramite Procter & Gamble, l’azienda per cui lavoro e in cui mi sono affermato professionalmente – ha dichiarato Vittorio Sapio, Direttore Marketing della Divisione Rasatura di P&G -. Sono nato a Civitavecchia dove ho studiato fino al termine delle scuole superiori quando mi sono trasferito a Roma per conseguire la laurea in Economia Aziendale (alla Luiss di Roma). Il manager e l’uomo che sono oggi lo devo dunque anche alla mia città alla quale sono riconoscente e dove torno spesso perchè quì vivono mio padre e i miei migliori amici. Poter fare qualcosa di concreto per gli studenti di Civitavecchia, mi riempie di gioia ed è un modo per dire “grazie” alla mia città e condividere con la comunità una parte del mio lavoro”.

L’Aula Natura dell’IC Civitavecchia 2 si unisce alle oltre 20 già realizzate in Italia insieme al WWF Italia: “L’adozione di lezioni in ambiente aperto permette di migliorare la qualità dell’apprendimento superando quello che diversi studiosi hanno definito come vero e proprio disturbo da deficit di natura che comporta disattenzione, svogliatezza, noia, oltre ai tradizionali pericoli legati alla sedentarietà – ha detto Maria Antonietta Quadrelli, Responsabile Educazione WWF Italia. Crediamo molto in questo progetto che vede in Procter & Gamble Italia un sostenitore e promotore molto importante, perché riesce ad offrire il contatto con la natura ai più giovani, riqualificando spazi nelle scuole spesso degradati o inutilizzati, proponendo il loro utilizzo educativo per mettere le basi di una vera transizione ecologica e culturale. Questa è un’azione prioritaria per il WWF Italia, come anche dimostrare alle istituzioni comunali e provinciali che si può operare in questo senso”.

Il progetto Aula Natura

Lanciato dal WWF nel settembre 2020, dopo il primo lockdown, il tradizionale cortile della scuola diventa una piccola oasi di natura, una vera e propria aula all’aperto. L’Aula Natura è uno spazio con pareti fatte da siepi, bordure fiorite, cassoni per gli ortaggi, gabbie per gli insetti ed uno stagno. Una superficie “verde” di minimo 80mq che garantisce il distanziamento ottimale tra i piccoli studenti. Riproduce differenti microhabitat in cui osservare direttamente non solo le diverse forme di esseri viventi, ma anche la relazione che li collega tra di loro e con noi.

Per la scelta delle Aule Natura il WWF ha seguito tra gli altri anche criteri legati a scuole particolarmente bisognose di recuperare spazi all’aperto, ubicate in zone degradate o periferiche. Le Aule Natura godono del patrocinio dell’Associazione Culturale Pediatri (ACP). A due anni dal lancio del progetto sono state realizzate 22 Aule Natura in tutta Italia, per un totale di 4.500 mq di giardini scolastici riqualificati ((in precedenza abbandonati o in condizioni di degrado). Attualmente sono quasi 11mila i bambini delle scuole primarie che possono utilizzare le aule.

La partnership WWF -P&G

La collaborazione tra P&G Italia e WWF prevede quattro aree strategiche di intervento: educazione delle nuove generazioni, all’interno della quale P&G sosterrà il WWF nella realizzazione, di oltre 50 Aule Natura entro il 2024; sostegno a progetti di riqualificazione ambientale, tramite il quale P&G insieme al WWF riqualificherà più di un milione di metri quadrati di boschi in Italia sostenendo il progetto ReNature; programmi di educazione ad un uso più consapevole e responsabile dei prodotti a casa e formazione dei manager di domani attraverso percorsi di studio creati insieme all’Istituto Europeo per lo Sviluppo Sostenibile.

Fonte: Il Faro Online

Grammy 2023: tra i candidati anche i Maneskin

Beyoncé fa incetta di nomination. Battendo Adele e Harry Styles

Grammy 2023: tra i candidati anche i Maneskin

Sono state rese note le nomination per i Grammy Awards 2023, edizione numero 65. Tra i candidati a spopolare è Beyoncé, che con 28 statuette è già l’artista donna più premiata nella storia della Recording Academy, e ha ottenuto ben nove nomination. Nel dettaglio: otto per l’album “Renaissance” e una per la canzone “Be Alive” che mettono la star americana alla pari con il marito Jay-Z, artista più candidato nella storia dei premi, ben 88 volte. 

Sono invece 8 le candidature per Kendrick Lamar, che si piazza davanti ad Adele e Brandi Carlyle alla pari con sette. Nella cinquina candidata nelle tre categorie più importanti, disco, album e canzone dell’anno, hanno fatto meglio del previsto Mary J. Blige e Abba con due nomination su tre. Per la Blige è la prima volta in 16 anni.

Esordio anche per i Maneskin: Victoria, Damiano, Thomas e Ethan sono entrati in gara nella categoria “Best new Artist”. La band romana uscirà a gennaio con l’ultimo disco “Rush”,  pochi giorni prima della cerimonia di consegna dei riconoscimenti, in programma il 5 febbraio dalla Crypto.com Arena di Los Angeles. I Maneskin se la dovranno vedere con un gruppo agguerrito di rivali: Anitta, Omar Apollo, Latto, Muni Long, Wet Leg, Domi & JD Beck, Samara Joy, Molly Tuttle e Tobe Nwigwe.

Sono invece sei le candidature a testa per altri quattro artisti: Future, Harry Styles, Mary J. Blige, DJ Khaled e il producer e cantautore The-Dream. Infine, Dave Chappelle e Louis CK hanno ricevuto la nomination per l’album comico dell’anno a dispetto delle controversie di cui sono stati recentemente investiti, il primo per battute di sapore antisemita e anti-trans, l’altro per accuse di molestie sessuali che nel 2017 avevano travolto la sua carriera.

Fonte: Radio Montecarlo

Se vuoi collaborare al progetto Roma News, scrivici su:info@roma-news.it

Like (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *