donna-e-a-roma

Fare l’aperitivo e mangiare “lucano” su una terrazza nascosta in via del Corso

#recensione | Siamo stati al ristorante Donna E, all’interno dell’Elizabeth Unique Hotel e ne abbiamo scoperto la cucina lucana e la terrazza intima sui tetti del centro

Ci sono terrazze nella Capitale ormai ben note a tutti e poi ce ne sono altre ancora sconosciute dalla maggior parte dei romani, vere chicche, nascoste, dove concedersi qualche ora rigenerante, al tramonto e fino a tarda sera, magari davanti a qualcosa di buono e sfizioso, sorseggiando una bollicina o un fresco cocktail estivo.

In una calda giornata di giugno, RomaToday ha varcato la soglia dell’Elizabeth Unique Hotel, una struttura ricettiva di lusso nel cuore di Roma, siamo infatti in via delle Colonnette, alle spalle di via del Corso.

Un hotel voluto dalla famiglia Curatella, originaria di Potenza che, oltre ad accogliere romani e soprattutto turisti nelle sua belle e spaziose camere e suite, vuole far conoscere – questa volta soprattutto ai romani – una cucina dalla forte impronta lucana. Si tratta dell’offerta ristorativa del DonnaE, il progetto gastronomico che omaggia i sapori lucani e che vede in cucina l’executive chef Riccardo Pepe, 40enne originario anch’esso della Basilicata.

La terrazza nascosta

Finché il sole è alto e le temperature esterne sono roventi, gli ospiti vengono accolti in’intima sala interna. Dal tramonto a tarda sera, invece, si esce in terrazza: 25 coperti in un salotto sotto il cielo stellato di Roma. Tavoli ben dislocati e un’intimità che poche terrazze della Capitale regalano. 
E’ qui che Riccardo Pepe propone la sua cucina rivisitata che noi di RomaToday abbiamo provato per voi. Le ricette della tradizione lucana, unita a quella romana, danno vita a piatti gustosi che si adattano bene ad ogni ora della giornata.

Cucina lucano-romana

Il servizio di Donna E parte presto al mattino, con le colazioni dolci e salate, anche queste aperte a tutti (non soltanto agli ospiti dell’hotel), si prosegue con un light lunch, fatto di insalate esotiche, Caesar salad, club sandwich e una serie di piatti veloci, per arrivare all’aperitivo e alla cena, dove chef Pepe può esprimersi al meglio.

Sin dal momento dell’aperitivo (dalle 18 alle 20.30), infatti, la tradizione lucana diviene protagonista. Taralli e stuzzichini, assaggi dalla cucina, piccoli panini e tartare accompagnano la proposta beverage di alto livello con selezionati vini e bollicine e grandi classici della miscelazione italiana ed internazionale.

È la cena, però, che consente a Riccardo Pepe di esprimere tutto il suo estro portando in tavola i sapori lucani rivisitati in chiave moderna: dal baccalà in tempura con crema di rafano lucano, al piccolo panino con tartare di gambero. Tra i primi, la tradizione lucana spicca nelle orecchiette di grano arso con peperone crusco e mollica di pane, mentre c’è della romanità negli spaghetti alla chitarra con crema di piselli e seppioline. Tra i secondi meritano l’assaggio le polpette di DonnaE, delle polpette vegetali che lo chef ha preso in prestito dalle ricette della nonna, servite con sugo e scaglie di pecorino. Per chi preferisce continuare con il pesce, invece, suggeriamo il “Mare ripieno”, un calamaro cotto a bassa temperatura su crema di asparagi. I prezzi variano dai 20 ai 24 euro per i primi, dai 20 ai 26 euro per i secondi.

 

unnamed (29)-3-4

Orecchiette di grano arso con peperone crusco e mollica di pane

 

Si conclude con la coppa Elizabeth (crumble, ricotta e frutti rossi), una coccola per ricordarsi piacevolmente di un’esperienza accessibile, ma all’interno di una location di lusso nel cuore di Roma.

Il Donna E – come racconta la proprietà dell’Elisabeth Unique Hotel a RomaToday –  vuole uscire fuori, farsi conoscere meglio dai romani, farli salire sulla sua terrazza nascosta, che è, sicuramente, tra le location da scoprire nell’estate 2022.

Fonte: Roma Today

Per tutte le info: info@roma-news.it

Like (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.