tim-summer-hits-a-piazza-del-popolo

Tim Summer Hits a piazza del Popolo, parata di stelle della musica

Achille Lauro, Aiello, Alex, Baby K, Boomdabash e Annalisa, Fabrizio Moro, Gabbani, Valentina Parisse, Francesco Renga, Gaia, Malika Ayane, Mika, Nek, Raf

Radunato sotto le stelle di piazza del Popolo il pubblico della seconda serata del Tim Summer Hits 2022 ha mostrato il suo volto. È vario almeno quanto lo sono gli artisti che si avvicendano sul palco, da Micheal Bublè a Madame; è felice di tornare a riempire le strade cantando a pieni polmoni; è impaziente di usare gli smarthphone per riprendere i momenti di un evento che si ripeterà anche stasera, ma diverso. A cominciare dalla scaletta.

Quella del 24 giugno ha visto diciannove protagonisti della musica in un’unica maratona. Alessandra Amoroso la prima a esibirsi dopo la sigla eseguita dal vivo di Marco Mengoni, seguita da Tommaso Paradiso e poi in ordine sparso da Biagio Antonacci, Carl Brave e Noemi, Fred De Palma, Ghali, Gigi D’Alessio, Irama, Pinguini Tattici Nucleari, Rocco Hunt e Elettra Lamborghini e Lola Indigo, Umberto Tozzi, il vincitore di Amici 2021 Luigi Strangis, i già citati Madame, Bublè, per chiudere con Tananai. Una serata scandita dal ritmo della conduzione affidata a Andrea Delogu e Stefano De Martino: «Ci stiamo divertendo tantissimo — dichiarano — il vero protagonista è questo meraviglioso pubblico». Affiatati come compagni di classe, vivaci nei loro abiti da sera estivi, impegnati a salutare i maturandi — molti quelli in piazza — i due conduttori sono tornati in più di una occasione sulla sostenibilità, tema cardine di questa edizione dell’evento sponsorizzato Tim.

Il pubblico in piedi intorno all’Obelisco che si porta egregiamente tremilatrecento primavere, rinfrescato dalla Fontana dei Leoni e vegliato dalle statue della Dea Roma e di Nettuno alle estremità della piazza, si è acceso ascoltando No stress e Ma Stasera di Mengoni, Giovani Wannabe dei Pinguini Tattici Nucleari, i medley di Gigi D’Alessio, Umberto Tozzi e Irama, oppure ballando al ritmo dell’urban reggeaton di Fred De Palma Extasi, muovendosi sulle note del balneare Hula-hoop di Carl Brave e Noemi o dell’auspicabile Piove in discoteca di Tommaso Paradiso. «Roma ha recuperato la sua centralità nei grandi eventi — ha dichiarato l’assessore al Turismo Alessandro Onorato — Questi concerti che abbiamo voluto insieme al sindaco Gualtieri hanno una forte valenza sociale e generano anche un grande indotto economico per la città».

Il 25 giugno,  è stata un’altra notte di stelle della musica a piazza del Popolo con un nuovo evento a ingresso gratuito fino alla capienza massima di diecimila persone. Sul palco Achille Lauro, Aiello, Alex, Baby K, Boomdabash e Annalisa, Fabrizio Moro, Francesco Gabbani, Francesco Renga, Gaia, Malika Ayane, Mika, Nek, Raf, e la cantante e autrice romana Valentina Parisse. E’ stata la terza e ultima tappa capitolina dell’evento che, dopo aver toccato il Porto Piccolo di Trieste e piazza Fellini a Rimini, si è trasformata in spettacolo tv in onda su Rai 2 e Raiplay da giovedì 30 giugno per sei puntate in prima serata.

Papa Francesco: alle famiglie, “la Chiesa è con voi, anzi, la Chiesa è in voi!”

 

tim-summer-hits-a-piazza-del-popolo

 

“Care famiglie, anche voi siete invitate a non avere altre priorità, a ‘non volgervi indietro’, cioè a non rimpiangere la vita di prima, la libertà di prima, con le sue ingannevoli illusioni: la vita si fossilizza quando non accoglie la novità della chiamata di Dio, rimpiangendo il passato. Quando Gesù chiama, anche al matrimonio e alla famiglia, chiede di guardare avanti e sempre ci precede nel cammino, sempre ci precede nell’amore e nel servizio. Chi lo segue non rimane deluso!”. Lo ha detto il Papa nella parte finale dell’omelia della messa per il X Incontro mondiale delle famiglie. “L’amore che vivete tra voi sia sempre aperto, estroverso, capace di ‘toccare’ i più deboli e i feriti che incontrate lungo la strada: fragili nel corpo e fragili nell’anima. L’amore, infatti, anche quello familiare – ha concluso Francesco -, si purifica e si rafforza quando viene donato. La Chiesa è con voi, anzi, la Chiesa è in voi! La Chiesa, infatti, è nata da una Famiglia, quella di Nazaret, ed è fatta principalmente di famiglie”.

Fonte: AgenSIR

Ex Ilva, Cingolani: “Si ad idrogeno ma puntare su rinnovabili”

 

 

Roma – La necessità di allontanarsi sempre più dalle fonti fossili a favore delle rinnovabili, costituisce l’obiettivo principale del Governo Draghi. Dall’approvigionamento del Gas al rilancio delle fonti rinnovabili passando per la decarbonizzazione di ex Ilva. Il ministro della transizione ecologica, Roberto Cingolani parla della possibile riconversione del sito Tarantino. La sostituzione del carbone con altre fonti energetiche e la produzione dell’acciaio con metodi che consentono emissioni non nocive richiede però anni. Il ruolo chiave che potrebbe portare a varie soluzioni è proprio quello del Gas. Si pensa a quello circolare e in parte al biometano, mentre l’idrogeno rimane la soluzione di prospettiva. Ma sull’Ex Ilva non tutti sono d’accordo. Per la senatrice pugliese di alternativa, Barbara Lezzi la soluzione rimane ad oggi una sola.

Fonte: Antenna Sud

Esami di maturità 2022, verso la prova orale

 

tim-summer-hits-a-piazza-del-popolo

 

Manca meno di una settimana alla fine degli esami di maturità. Superata la prima e affrontata la seconda, ai maturandi del 2022 manca solo la prova orale (il quizzone in terza prova è stato abolito a partire dalla maturità 2019). Il 21,2% degli studenti, per la prima giornata d’esame, ha scelto la traccia che parte da un brano tratto dal libro “Tienilo acceso. Posta, commenta, condividi senza spegnere il cervello”, di Vera Gheno e Bruno Mastroianni, dedicata alle potenzialità e ai rischi di un mondo iperconnesso. Il 18% delle candidate e dei candidati ha invece optato per la traccia che parte da un brano tratto dal libro “La sola colpa di essere nati”, di Gherardo Colombo e Liliana Segre, che proponeva una riflessione sulle leggi razziali. Al terzo posto, con il 16,5% delle preferenze, l’analisi del testo tratto da “Nedda. Bozzetto siciliano” di Giovanni Verga. Il 15,8% dei candidati si è cimentato con il tema della musica, a partire da un brano tratto da “Musicofilia” di Oliver Sacks. Il 14% delle studentesse e degli studenti ha scelto la traccia che partiva da un passaggio del libro “Perché una Costituzione della Terra?” di Luigi Ferrajoli. L’11,6% ha preferito quella che faceva riferimento al discorso pronunciato l’8 ottobre 2021 alla Camera dei Deputati dal Premio Nobel per la Fisica Giorgio Parisi. Infine, il 2,9% delle studentesse e degli studenti ha scelto l’analisi della poesia “La via ferrata” di Giovanni Pascoli.
La traccia più scelta a livello nazionale è anche quella preferita negli Istituti tecnici (24%) e negli Istituti professionali (26,9%). Nei Licei i ragazzi hanno preferito la traccia su Verga (21,5%). La seconda prova, improntata sulle materie d’indirizzo, è stata scelta e costruita dalle commissioni esclusivamente sugli argomenti affrontati in classe durante l’anno, ed è questa la vera rivoluzione: gli scorsi anni, con gli argomenti inviati direttamente dal ministero, poteva capitare un po’ di tutto. Infine l’orale. Si aprirà con l’analisi di un materiale scelto dalla commissione (un testo, un documento, un problema, un progetto). Nel corso del colloquio il candidato dovrà dimostrare di aver acquisito i contenuti e i metodi delle singole discipline e, soprattutto, di aver maturato le competenze di educazione civica. Analizzerà poi, con una breve relazione o un lavoro multimediale, le esperienze fatte nell’ambito dei percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento. La Commissione sarà composta da sei commissari interni e un presidente esterno.

Fonte: Trieste All News

Schira vuota il sacco su Cr7 alla Roma e Zaniolo tra Juve e Milan

 

 

Da qualche ora in trend su twitter gira l’hashtag fantasioso #RonaldoallaRoma, con centinaia di commenti tra il serio e il sarcastico ma cosa c’è di vero su questa voce che sta facendo il giro del web? Prova a fare chiarezza Niccolò Schira. L’esperto di mercato parla a  “il Diabolico e il Divino, trasmissione condotta da Giuseppe Falcao e Simone LP in onda su New Sound Level 90FM e dice

“Ad oggi sono solo delle suggestioni perché lui vuole giocare la Champions e la Roma non sta in Champions. Al di là del fatto che Mendes ha ottimi rapporti con Mou e Pinto,  è un’operazione difficile perché gli devi dare 25 milioni l’anno. È un affare molto complicato, ad oggi è solo una bella suggestione. Di audio ce ne sono stati tanti negli ultimi anni ma lasciano il tempo che trovano”.

Poi su Nicolò Zaniolo e la Juventus dice:

“Una telenovela che andrà avanti per tutta l’estate, la Juve lo vuole ma la Roma non tratta. Il Milan non è interessato, su di lui c’è solo la Juve in Italia che segue il ragazzo. La Roma fa una valutazione molto importante del ragazzo, è molto difficile una trattativa in questo momento. Deve decidere Nicolò Zaniolo, il mercato dura moltissimo e probabilmente la telenovela Zaniolo durerà tutta l’estate, perché la Roma non vuole trattare il rinnovo prima di Settembre. L’incastro può portare a Torino ma la Juve deve fare una proposta più concreta. La Juve aspetta la risposta di Di Maria, se arriva la risposta positiva la Juve pianifica il prossimo acquisto in un altro ruolo. Poi la pista Zaniolo può rimanere viva lo stesso, è un flirt che parte da lontano ed è un flirt destinato ad essere monitorato”.

Fonte: Sportevai.it

Mondiali nuoto 2022: Giorgio Minisini e Lucrezia Ruggiero oro nel sincro duo libero

Impresa della coppia azzurra di sincronizzato: è il primo successo iridato nella storia azzurra in questa specialità. Italia d’argento negli highlight

 

tim-summer-hits-a-piazza-del-popolo

 

L’Italia festeggia una nuova medaglia d’oro ai Mondiali di nuoto e nuoto sincronizzato. Impresa della coppia azzurra formata da Giorgio Minisini Lucrezia Ruggiero che concedono il bis. Dopo l’oro conquistato nel duo misto tecnico lunedì scorso, Minisini Ruggiero si ripetono nel sincro libero con 90.9667 punti (27.2 per l’esecuzione, 36.6667 d’impressione artistica, 27.1 per la difficoltà): è il primo successo iridato nella storia azzurra in questa specialità, dove al massimo l’Italia era stata d’argento con Minisini e Mariangela Perrupato nel 2017 e Minisini e Manila Flamini nel 2019.

Alle spalle degli azzurri si piazzano i fratelli giapponesi Tomoka e Yotaro Sato, già d’argento nel tecnico, con 89.7333 punti (26.8 per l’esecuzione, 36.1333 d’impressione artistica e 26.8 per la difficoltà); si confermano terzi dopo il tecnico i cinesi Shi Haoyu e Zhang Yijao, con 88.400 punti (26.7+35.2+26.5), quinti nel 2019 a Gwangju.

Argento negli highlight

Come tre anni fa in Corea del Sud, l’Italia è d’argento negli highlight: Domiziana Cavanna, Lida Cerruti, Costanza Di Camillo, Costanza Ferro, Gemma Galli, Marta Iacoacci, Marta Murru, Enrica Piccoli, Federica Sala e Francesca Zunino chiudono al secondo posto con 92,2667, dietro l’Ucraina (95,03333), con la Spagna di bronzo (91,9333). È la 13esima medaglia mondiale di sempre per il sincro azzurro.

Fonte: Quotidiano Nazionale

Per tutte le info: info@roma-news.it

Like (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.