måneskin-ancora-una-volta-dalla-parte-dell-ucraina

Måneskin, ancora una volta dalla parte dell’Ucraina

La band ha finalmente annunciato il Loud Kids Tour, il primo tour che li vedrà in tutte le capitali mondiali (e non solo) a esclusione della Russia. I Måneskin scelgono di sostenere ancora una volta l’Ucraina.

A causa della pandemia da Covid, i Måneskin sono stati costretti ad annullare più volte le date italiane dei loro concerti, ma ora che (forse) intravediamo una luce in fondo al tunnel delle restrizioni, la band è tornata con un annuncio emozionante: il Loud Kids Tour si farà e non riguarderà solo l’Europa bensì anche il Nord America, per un totale di 48 date. Il tour avrà inizio negli States e arriverà in Europa solo nel 2023, ad annunciarlo sono proprio i componenti della band che hanno, inoltre, precisato che a causa delle scelte del governo russo di iniziare una guerra contro l’Ucraina, le date previste in Russia sarebbero state annullate. Dunque, ancora una volta Damiano, Ethan, Victoria e Thomas si schierano dalla parte del popolo ucraino, speranzosi che questa situazione straziante possa finire il prima possibile.

Måneskin: la scelta di escludere la Russia dal tour mondiale

I Måneskin debutteranno per il loro Loud Kids Tour in America il 31 ottobre 2022, precisamente a Seattle e da lì gireranno per tutta l’Europa ad esclusione della Russia. La scelta di non inserire delle date a Mosca o a San Pietroburgo è dipesa dal fatto che la band non sostiene assolutamente le scelte del governo russo e ritiene, al contrario, che, a causa delle decisioni prese da chi è al potere, molti civili innocenti stiano ingiustamente perdendo la vita.

Per gli ex vincitori di Sanremo è stato veramente difficile annunciare il tour consci del fatto che la situazione mondiale attuale sia precaria, vuoi perché solo ora stiamo lentamente uscendo da una pandemia durata più di due anni, vuoi per la guerra che affligge l’Ucraina e che vede coinvolta in qualche modo tutta l’Europa. Per fortuna, però, alla fine la voglia di fare musica ha prevalso e i componenti della band hanno scelto di portare avanti il tour mondiale.

I Måneskin e le parole di supporto per l’Ucraina

“Naturalmente, non è facile per noi parlare di musica dal vivo mentre la guerra affligge l’Ucraina e provoca la sofferenza di così tante persone innocenti. Siamo devastati per il popolo ucraino e vogliamo dimostrargli la nostra totale solidarietà. A causa delle decisioni prese da chi è al potere, decisioni che affliggono le vite di civili innocenti, non ci esibiremo in Russia. Dobbiamo essere uniti per la pace, ora e per sempre”, queste le parole dei Måneskin sotto al post Instagram di annuncio del loro primo tour mondiale, il Loud Kids Tour.

D’altronde i membri della band si sono sempre dimostrati molto vicini ai temi di attualità, difatti anche in questo caso hanno deciso di schierarsi, promuovendo solidarietà nei confronti dell’Ucraina, come avevano fatto anche poco dopo lo scoppio della guerra tramite i loro canali social.

“La nostra solidarietà va a tutti coloro che stanno soffrendo a causa del conflitto in Ucraina e speriamo che la violenza in atto possa vedere una fine”, aveva scritto la band sotto ad un Tweet in cui annunciavano la momentanea sospensione del loro tour, che per fortuna ad oggi è stato riprogrammato totalmente con l’aggiunta di moltissime altre date e la cancellazione di quelle russe. I Måneskin si aggiungono alla lunga coda di star mondiali che, dallo scoppio della guerra tra Russia e Ucraina, si sono mobilitati per aiutare i civili ucraini, offrendo loro sostegno morale e aiuti concreti.

Fonte: AlFemminile.com

I Maneskin vincono il premio come ‘Best New Alternative Artist’ agli iHeartRadio Music Awards

La band romana si è esibita sulle note di Beggin’ e Wanna be your slave

Dopo aver annunciato il loro primo tour mondiale, Russia esclusa, i Maneskin si portano a casa l’ennesima vittoria. E’ andato a loro infatti, il premio come ‘Best New Alternative Artist’ agli iHeartRadio Music Awards 2022, i premi assegnati alla musica più suonata nel circuito radiofonico americano iHeartRadio.

La cerimonia si è svolta ieri sera allo Shrine Auditorium di Los Angeles. La band romana ha battuto la concorrenza dei  colleghi Cannons, Willow Smith, Girl in Red e Clairo.

iHeartRadio Music Awards: i vincitori

Tra i vincitori della serata, a fare incetta di premi sono state Dua Lipa, che con il brano ‘Levitating’ si è aggiudicata il premio per la ‘canzone dell’anno’ e Olivia Rodrigo che ha conquistato i riconoscimenti come artista femminile dell’anno, Best New Pop Artist e TikTok Bop of the Year. E ancora Lil Nas X ‘artista maschile dell’anno’, Silk Sonic di Bruno Mars e Anderson .Paak ‘miglior gruppo’, ‘miglior album R&B’ e ‘miglior canzone R&B dell’anno’ con ‘Leave the Door Open’. Non poteva mancare mancare JLo, che si è portata a casa il premio come ‘Icona della musica’.

Fonte: Diregiovani

Per tutte le info: info@roma-news.it

Like (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.