le-campionesse-ucraine-in-salvo-ad-ostia

Le campionesse ucraine in salvo ad Ostia

Le campionesse ucraine di nuoto sincronizzato in fuga dalla guerra e in salvo ad Ostia

“Siamo contenti che, seppur con grandi difficoltà, stiamo riuscendo a portare in salvo queste campionesse”, racconta Paolo Barelli, presidente della Federnuoto e del gruppo di Forza Italia alla Camera dei Deputati

Oltre 2.000 chilometri di speranza. È iniziato l’esodo della nazionale ucraina di nuoto sincronizzato medagliata olimpica e mondiale verso il centro federale di Ostia. Le campionesse  arriverano al centro federale di Ostia intorno alle 11 di domani. Alle 21 dovrebbe partire il pullman da Budapest con le dieci atlete e i due tecnici che hanno superato il confine di Beregsurány e raggiunto la capitale ungherese nella notte.

Si tratta di otto atlete partite da Leopoli – la campionesse del mondo e d’Europa Veronika Hryshko, la campionessa d’Europa Olesia Derevianchenko, le medagliate agli europei giovanili Anhelina Ovchynnikova, Anastasiia Soldatenkova, Valeriya Tyshchenko (17 anni) e Anastasiia Shmonina (16 anni) e le campionesse nazionali Amelia Volynska (16 anni) e Daria Moshynska (14 anni) – coi tecnici Oleisia Zaitseva e Kseniia Tytarenko e delle gemelle Maryna e Vladyslava Aleksiiva, bronzo olimpico, campionesse del mondo e d’Europa, che si sono aggregate da Chernivtsi. Nella foto allegata, le atlete e i tecnici sono ritratti nell’albergo di Budapest.

“Il primo gruppo è pronto a partire – spiega Paolo Barelli, presidente della Federnuoto e del gruppo di Forza Italia alla Camera dei Deputati, che sta dirigendo le operazioni – Per motivi di sicurezza non è possibile aspettare l’arrivo delle altre atlete e allenatrici che dovrebbero raggiungere il confine nella giornata di domani. Organizzeremo dei trasporti per portarle direttamente al centro federale di Ostia e raggiungere il resto della squadra che attendiamo martedì mattina. Nel frattempo stiamo ricevendo altre domande di assistenza e stiamo verificando come intervenire”.

Si tratta delle atlete Marta Fiedina (che oltre ad essere protagonista nelle prove a squadra, di libero combinato e di highlights, è bronzo olimpico nel duo e mondiale nel programma tecnico e libero, nonché campionessa europea nel singolo tecnico e argento nel duo libero e tecnico) e Sofiia Matsiievska (17 anni) e del tecnico Yevheniia Lykhman, partite da Charkiv; dell’allenatrice Valeriia Mezhenina, in compagnia di altre due atlete, che stanno passando per Alexandria, e di Sofiia Spasybo (15 anni) in fuga coi genitori, che dovrebbe ricongiungersi al confine nelle prossime 24/36 ore e che saranno condotte direttamente a Roma per unirsi al resto della selezione nazionale con altri mezzi federali.

Fonte: Roma Today

Per tutte le info: info@roma-news.it

Like (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.