Lazio: Basic verso il rientro

Lazio: Basic verso il rientro

Lazio, Basic verso il rientro: Sarri ha qualche alternativa in più

Il croato, insieme a André Anderson, hanno svolto le visite in Paideia: via libera per il match con l’Atalanta

ROMA – Buone notizie per Maurizio Sarri: Toma Basic e André Anderson, spariti dai radar dalla

corsa settimana, hanno svolto le visite mediche in Paideia e sono pronti al rientro.

Il ritorno del centrocampista croato è importantissimo, la Lazio era rimasta solo con i tre titolari

Leiva, Milinkovic e Luis Alberto (Cataldi squalificato, Akpa Akpro ancora fuori).

La panchina resta corta

Gli assenti in casa Lazio sono diversi in vista della partita contro l’Atalanta. Fuori Acerbi, Cataldi,

Radu e Akpa Akpro. In difesa i problemi maggiori, con Patric che dovrebbe giocare titolare ancora al

fianco di Luiz Felipe.

A disposizione resta Vavro. Fondamentale il ritorno di Basic, che garantisce

un’alternativa in più a un centrocampo con gli uomini contati.

 Convocazione scontata per i baby Floriani Mussolini e Bertini pescati dalla Primavera. 

Fonte: Corriere dello Sport

Ultimissime: 

Lazio, il mercato è ancora bloccato: l’ostacolo è sempre l’indice di liquidità

Qualche giorno fa Sarri ha ammesso di non capire nemmeno cosa sia questo indice di liquidità.

Nel farlo ha utilizzato un’espressione colorita, e un sorriso s’è stampato sul volto di tutti.

Ma per la Lazio non c’è molto da scherzare. Perché l’indice di liquidità è una formula che dalle parti

di Formello si sente ripetere spesso, forse troppo.

In sostanza se non si vende non si può comprare, perché manca liquidità per farlo.

E vendere non è mica facile quando da cedere al miglior offerente c’è un attaccante pagato 20

milioni che all’attivo ha 4 gol in un anno e mezzo. 

Rischia così, la Lazio, di rimanere ferma anche a gennaio, nonostante le richieste più o

meno esplicite di mister Sarri.

L’allenatore ha avvertito: il percorso di crescita a livello di rosa deve essere graduale e

deve partire da gennaio, perché poi diventa complicato ritrovarsi in estate con una squadra da

ricostruire, o quasi.

Poi anche il mister toscano deve essersi piegato alla necessità del bilancio, perché coi giorni i toni

sono diventati più dismessi, concilianti con la volontà societaria.

Il rischio, a questo punto, è che la Lazio, al 31 gennaio, resti sempre questa. Né più né meno.

Una difesa che imbarca da rifare e un attacco orfano di un sostituto di Immobile. 

Vendere Muriqi infatti non è facile: c’è chi si è fatto avanti, ma con formule poco gradite alla

società, che chiede la cessione secca o al limite il prestito con obbligo.

D’altra caratura Lazzari, anche lui prossimo alla partenza. Ma di offerte concrete al momento ne

sono arrivate poche. E il mercato della Lazio si ferma.

Fonte: Italia Sera

Per tutte le info: info@roma-news.it

 

Like (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.