Una cacio e pepe da chef

Una cacio e pepe da chef

Come fare una pasta cacio e pepe da chef perfettamente cremosa come al ristorante

I piatti della tradizione gastronomica italiana sono davvero sconfinati e per ogni Regione è possibile

trovare un autentico capolavoro.

Spesso ci troviamo a suggerire ricette di grandi classici come la pasta aglio, olio e peperoncino.

In altri casi invece forniamo al lettore ricette meno note ma di grandissimo gusto, come questo

piatto della cucina povera napoletana.

Oggi, invece, sveleremo i segreti per portare in tavola uno dei piatti più amati, e al contempo temuti,

di tutta la nostra cucina.

Stiamo parlando dell’intramontabile pasta cacio e pepe, piatto simbolo della cucina romana insieme

a carbonara e gricia.

Nonostante le apparenze portare in tavola una pasta cacio e pepe da applausi non è così complesso

grazie a qualche piccolo segreto.

Vediamo allora come fare una pasta cacio e pepe da chef perfettamente cremosa come al ristorante.

3 ingredienti per uno piatto sconvolgente

È proprio vero che le cose più buone sono le cose semplici e la pasta cacio e pepe ne è la prova.

Infatti per la preparazione occorreranno semplicemente:

  • pasta;
  • pecorino romano;
  • pepe in grani.

Tutto qui, nulla di più, nulla di meno.

Per ottenere una meravigliosa pasta cacio e pepe il primo consiglio parte proprio dal pepe.

Per prima cosa prenderemo il pepe in grani e lo faremo tostare in padella un paio di minuti a

fiamma viva.

Questo consentirà al pepe di liberare gli oli essenziali e conferire maggiore aroma.

Fatto questo procederemo a macinarlo o tritarlo finemente con un coltello.

Compiuta quest’operazione grattugeremo il pecorino romano in misura abbondante, all’interno del

quale andrà aggiunto il pepe macinato.

Una volta mischiato il pepe al pecorino, metteremo a bollire l’acqua per la pasta che andrà salata ma

non troppo

Come fare una pasta cacio e pepe da chef perfettamente cremosa come al ristorante

A questo punto non resta che prelevare un mestolo di acqua di cottura ed aggiungerlo al composto

di pecorino e pepe e mischiare fino ad ottenere una crema.

Il risultato sarà una salsa cacio e pepe pronta da utilizzare per condire la pasta una volta cotta.

In alternativa possiamo procedere anche così.

Quando mancheranno circa 3-4 minuti al tempo di cottura della pasta, terminiamo di cuocerla in

padella aggiungendo poca acqua di cottura.

 Questa tecnica si chiama risottatura ed è un piccolo segreto degli chef per rendere la pasta sempre

cremosa ed avvolgente.

Grazie all’amido contenuto nella pasta potremo così avere un piatto decisamente più cremoso.

Giunti a cottura, verseremo pecorino e pepe sulla pasta e mescoleremo aggiungendo poca acqua di

cottura fino a quando non otterremo la classica crema.

La variante che non ti aspetti

La pasta cacio e pepe può essere utilizzata anche come base per golosissime varianti.

Potremmo ad esempio far un’aggiunta vegetale ed utilizzare dei carciofi.

In alternativa, in fase di mantecatura, possiamo aggiungere dei crostacei come gamberi, scampi o

mazzancolle e realizzare una fantastica pasta cacio e pepe di mare.

Fonte: Proiezioni di Borsa

Per tutte info: info@roma-news.it

 

 

Like (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.