Un piatto con i carciofi e le patate

Un piatto con i carciofi e le patate

Come cucinare un piatto con i carciofi e le patate, tipicamente invernale e da preparare in maniera semplice e veloce

Il carciofo cucinato alla romana è un piatto tradizionale che mantiene vivi i sapori del passato e per

questo è molto amato da chi è in visita nella capitale.

Sia i ristoranti che le osterie hanno la loro proposta del carciofo alla romana.

Quando si sceglie questo contorno è difficile rinunciarci perché oltre al gusto sappiamo per certo che

la qualità del prodotto è alta e i benefici non mancano.

I carciofi romani sono protetti da marchio IGP, la pianta acquista con la cottura un sapore dolce e

delicato.

Le proprietà nutrizionale sono conosciute, si tratta di un ortaggio molto importante che depura il

fegato, migliora la digestione e contrasta l’ipertensione.

Come cucinare un piatto con i carciofi e le patate, tipicamente invernale e da preparare in maniera semplice e veloce

Il carciofo romano ha una consistenza morbida e non ha spine, per questo di solito è cucinato intero.

Le foglie esterne sono più dure e quindi vengono eliminate mentre il gambo viene tagliato poco oltre

la metà. Il gambo che rimane deve essere pelato.

Per evitare che si anneriscano dobbiamo immergere i carciofi in acqua e limone.

La preparazione si caratterizza per l’asportazione della parte interna che si effettua allargando

leggermente il cuore del carciofo.

Ma come si procede? Iniziamo preparando un trito di mentuccia, prezzemolo e aglio e uniamo al

pangrattato.

Riempiamo i carciofi con la farcitura dopo averli asciugati e appoggiamoli in un tegame in cui

abbiamo fatto rosolare dell’aglio.

I carciofi devono essere sistemati a testa in giù e rosolati a loro volta.

Quindi devono essere ricoperti di acqua fino alla metà e cotti a fuoco lento per 20 minuti chiusi con

il coperchio.

L’aggiunta di patate

Imparare come cucinare i carciofi alla romana con patate, un piatto tipicamente invernale da

preparare in maniera semplice e veloce significa rispettare la tradizione.

Ciò non toglie che possiamo evitare il pangrattato e aggiungere le patate se vogliamo arricchire il

contorno.

In questo caso possiamo tagliare i carciofi a spicchi dopo averli mondati.

Facciamo rosolare l’aglio nel tegame e versiamo i carciofi a spicchi e le patate tagliate a pezzi piccoli.

Il tempo di cottura è dettato dalle foglie del carciofo che quando saranno colorite ci diranno che il

piatto è pronto.

In genere si tratta di 15-20 minuti durante i quali possiamo aggiungere acqua o vino per

ammorbidire le patate.

Non dimentichiamoci di aggiungere sale, pepe e prezzemolo.

Fonte: Proiezioni di Borsa

Per tutte le info: info@roma-news.it

https://www.giallozafferano.it/ricerca-ricette/cucina+romana/

 

 

Like (0)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.